Regione Emilia Romagna Provincia Forlì - Cesena Comune di Forlì | home... | info... | contatti...

Fanzinoteca d'Italia

fanzine nuovi arrivi

Centro Nazionale Studi Fanzine - Fanzine Italiane nuovi arrivi

Pagine publicate
- FAQ: 11
- Articoli: 20
- Download: 62
- Collegamenti: 156
- Fanzinoteca: 340
- Notizie: 1173
Fanzinoteca d'Italia 0.2 :: fantascienza

Future Shock n. 71


Autore : Staff Fanzinoteca d'Italia
Categoria : fantascienza
Sabato, 9 Aprile 2016 - 11:54

 
Future Shock n. 71
Quadrimestrale di saggistica e narrativa di fantascienza
Anno XXVIII - Febbraio 2016 - numero 71 (nuova serie)

Sommario "Future Shock" n.71 (febbraio 2016)
E’ innegabile che, oggi, il mondo è scisso come non mai. Quella divisione/scontro, che Eco teorizzava per la società occidentale nel suo famoso saggio degli anni Sessanta, Apocalittici e integrati, è, ormai, a livello planetario: è trasversale a popoli, nazioni, culture, religioni e, addirittura, all'interno dello stesso individuo. In breve, il confronto non è tra l'Occidente e l'Islam, ma tra due modalità conoscitive: da una parte, quella inaugurata dalla scienza galileiana e, dall'altra, la conoscenza ordinaria o conoscenza comune, tra il mondo del pressappoco e l'universo della precisione, tra la psilè parataxis marcaureliana e il Logos cristiano.
Che fare? Occorre ricucire lo strappo tra le due culture di snowniana memoria, occorre gettare un ponte tra le due culture oggi in conflitto (quella umanistica e quella scientifica) e, soprattutto, non abbassare il livello della moralità, come si cerca di fare in tante istituzioni sia laiche che non laiche. Ebbene, la fantascienza, come la intendiamo noi di "Future Shock" e non secondo Ursula K. Le Guin, per la quale la fantascienza altro non è che una forma modernizzata di fantasy, è in grado di superare tale dicotomia, come dimostra il materiale saggistico e narrativo pubblicato nel n.71 (febbraio 2016).
Nell'editoriale, indichiamo la strategia da adottare per evitare alla fantascienza la perdita della propria identità (Fantascienza, gender e pedagogia). Nei saggi di Piero Gondolo della Riva (Ancora a proposito della paternità de "L'Eterno Adamo"), di Massimo Del Pizzo (Il mondo come immagine), di Guido Pagliarino (INRI di Moorcock per i cristiani della messa di Natale e Pasqua) e del sottoscritto (Gli scrittori di fantascienza e la Chiesa cattolica) si persegue l'identico obiettivo di affermare la verità su questioni editoriali, scientifiche, storiche ed ecclesiali. Nella narrativa, si pone l'accento sull'uso antiumanistico della scienza, capace di creare problemi sia nell'ordine naturale (Prigione temporale di Pietro Guarriello) che a livello individuale (Cronofobia di Luciano Nardelli) e sociale (La Pratica 203 di Pierfrancesco Prosperi).
Il numero è arricchito da recensioni a: 1) romanzi recenti: Elisabetta Cipriani, Memorie di una casa viva (E.Modena); Edvige Gioia, Somnium (A.Scacco); Amanda Prantera, Il cabalista (A.Scacco); 2) romanzi meno recenti: Janet & Isaac Asimov, I segreti di Norby (G.F.Pizzo); Fritz Leiber, L'alba delle tenebre (A.Scacco); Gianni Padoan, Robinson dello spazio (A.Scacco); 3) film: Ridley Scott, Blade Runner (A.Scacco). Né è dimenticata la poesia: Capriccio lunare e Arabesco, entrambe di Liana De Luca. Il numero è impreziosito dalle splendide illustrazioni di Pompeo De Vito. Infine, nella rubrica delle lettere, è affrontato, con il rev.do prof.Angelo Pellegrini, lo spinoso problema della emarginazione della fantascienza nel mondo cattolico.
Antonio Scacco

EDITORIALE
Fantascienza, gender e pedagogia - di Antonio Scacco
SAGGISTICA
Ancora a proposito della paternità de "L'eterno Adamo" - di Piero Gondolo della Riva
Il mondo come immagine - di Massimo Del Pizzo
Gli scrittori di fantascienza e la Chiesa Cattolica - di Antonio Scacco
NARRATIVA
Prigione temporale - di Pietro Guariello
Cronofobia - di Luciano Nardelli
La pratica 203 - di Pierfrancesco Prosperi
Capriccio lunare (Poesia) - di Liana De Luca
Arabesco (Poesia) - di Liana De Luca
LIBRI RECENTI
E MENO RECENTI
SF CINEMA
NOTIZIE (a cura di A. Scacco)
IL LETTORI CI SCRIVONO

Editoriale
FANTASCIENZA, GENDER E PEDAGOGIA
Nella prefazione ad un saggio apparso tanti anni fa (Di futuri ce n'è tanti. Otto sentieri di buona fantascienza, 2006),Valerio Evangelisti, autore della saga di successo che ha per protagonista Nicolas Eymerich, un inquisitore domenicano del sec. XIV, traccia un quadro senza peli sulla lingua della di crisi che da decenni attanaglia la fantascienza: negli Stati Uniti le riviste più prestigiose o hanno cessato di esistere o vivono, in forma virtuale, nel Web; autori come Delany o Spinrad, un tempo sulla cresta dell'onda e ben remunerati, ora sono pressoché dimenticati e vivono in ristrettezze economiche. Chi non è morto - scrive Evangelisti - "è povero o poverissimo, e può contare solo sul magro sostegno proveniente dai Paesi dell'Est dove, come nell'Italia del secondo dopoguerra, la fantascienza è ancora vista quale sinonimo di modernità. Drammatico il caso di Frank Belknap Long, autore non eccelso ma vecchio amico di H.P.Lovecraft (...). Una decina di anni fa si spense, come Émile Zola, nell'appartamento di due stanze che occupava a New York, ucciso dalle esalazioni di una stufetta" (p.8). La causa di una tale débâcle? Secondo Evangelisti, è tutta colpa del periodo storico che stiamo vivendo, tutto proteso al presente e chiuso al sogno, al futuro, all'utopia. Naturalmente, non si può non essere d'accordo con lui, dal momento che la fantascienza è un genere letterario a sfondo educativo: si pensi ai romanzi scritti per educare le giovani generazioni all'era dello spazio (juveniles). Ma non basta: bisogna anche andare oltre e ricercare la causa princeps del crollo degli ideali, dei valori, delle utopie, ecc. In una prima battuta, potremo indicare tale causa nell'attuale, pervasiva dittatura del relativismo; ma ce n'è un'altra ben più grave: l'ideologia del gender. Come nasce? Con l'uso distorto della scienza da parte dell'uomo, il quale, con lo strapotere che essa gli ha messo in mano, vuole giocare a fare Dio: essere una madre senza essere una donna, essere un padre senza essere un uomo, diventare un uomo anche se si è donna e diventare una donna anche se si è uomo, ecc. Tutto questo sta accadendo con la diffusione, a livello planetario, dell'ideologia del gender, gravida di due conseguenze nefaste: 1) rende impossibile ogni vero progresso, in quanto riduce l'uomo al solo corpo; 2) vanifica, con l'abbattimento della legge naturale, il processo educativo. Tra le due, è la seconda a suonare il requiem per la fantascienza, in quanto blocca la produzione di romanzi a carattere ammonitorio come: 1984 (Nineteen Eight-Four, 1949) di George Orwell, Fahrenheit 451 (1953) di Ray Bardbury, Fabbricanti di schiavi (A for Anything, 1959) di Damon Knight, ecc. Conclusione? Per il rilancio della fantascienza, occorre far rivivere i valori naturali ed eterni insiti nel'animo umano, opponendosi alla teoria del gender che di tali valori sta facendo tabula rasa.
Antonio Scacco

Rivista di Fantascienza di Antonio Scacco Direttore Editoriale, Aurelio Scelba Direttore Responsabile; Pompeo De Vito per l'illustrazione di copertina e un disegno interno.

S O S T I E N I Future Shock
Gentile Amica, Gentile Amico,
anzitutto, grazie per l'intenzione di richiedere una copia-omaggio di "Future Shock", una delle sempre più rare fanzine di fantascienza circolanti, oggi, in Italia: non lasciarla morire! Non abbiamo contributi né privati, né statali: la nostra è un'iniziativa che si regge sul sostegno dei nostri lettori. Comprenderai che per portare avanti una pubblicazione come "Future Shock", un volumetto (cm 21x14,50) di pp.84 con illustrazioni in b/n e del peso di g 125, è un'impresa al limite dell'impossibile, specialmente oggi che le spese postali sono aumentate in modo vertiginoso.
Se vuoi dunque una copia-omaggio, non ti chiediamo il rimborso del prezzo del volumetto (€ 5,00), ma almeno quello delle spese postali (euro 3,00). Se poi vuoi abbonarti, ecco le condizioni: 1 numero (pp.84 formato 1/2 di A4) € 5.00; 3 numeri € 15.00; 6 numeri € 27.00 + libro-omaggio a scelta tra: Fantascienza umanistica, Critica pedagogica della fantascienza, Racconti del venticinquennale e Alieni, astronavi, robot.... Per l'invio, puoi utilizzare:
a) ccp n.28418655, intestato a Scacco Antonio, via Papa Giovanni Paolo I°, n.6/M-A, 70124 BARI;
b) ricarica postepay alla carta n. 4023600569328349 intestata a Antonio Scacco;
c) versamento Bancoposta online al seguente IBAN: IT22 X076 0104 0000 0002 8418 655, intestato come il ccp;
d) bonifico bancario Banco di Napoli all'IBAN: IT74 N010 1004 0060 0004 2000 098, intestato come sopra;
e) tramite PayPal, utilizzando l'indirizzo email futureshock@alice.it
Per ulteriori informazioni, chiarimenti, suggerimenti, etc., scrivici.


Info: Antonio Scacco - futureshock@alice.it - www.futureshock-online.info


Staff Fanzinoteca d'Italia

  Stampa
Share
 


Scrivi un commento

* Autore
* Indirizzo e-mail
Sito web
Avvisami via e-mail della presenza di nuovi commenti
Per verificare che sei un essere umano scegli :

2
7
5
8
4
3
1
6
B U I url Smilies
Fanzine Fanzinoteca d'Italia 0.2
Centro Nazionale Studi Fanzine - Fanzinoteca d'Italia 0.2
* informazione relativa ai dati
Cerca nel sito
Menu sito
  > Fanzine:: Pronuncia e significato >>
  > Fanzine:: Donazioni >>
  > Fanzine:: Scaffale Editoria >>
  > Fanzine:: Tesi di Laurea >>
  > Fanzine:: Free Download>>
  > Fanzine:: Glossario >>
  > Fanzine:: scarica documenti >>
  > Fanzine:: Diabolik passione >>
  > Fanzinoteca:: Edizioni >>
  > Fanzine:: fanzinoteche mondiali >>
  > Fanzinoteche:: Incontro Mondiale >>
  > Esperto Nazionale Fanzinotecario >
  > Programma Scolastico 2018-2019>
Newsletter-Fanzinoteca
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Cancella

  Iscritti : 814

Fanzinoteca d'Italia - Tesi di Laurea - Espero Fanzinotecario - Scafale Fanzine

gallery Fanzinoteca d'Italia 0.2

Fanzinoteca d'Italia - Mappatura Tesi di Laurea sulle Fanzine Italiane


Up New-CMS 2.9.4 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin Fanzinoteca d Italia Up
This page was created in 0.0932 seconds
Contenuto del div.